La Turris incontra il sindaco Borriello. Il Liguori alla base del rilancio

Presidenza onoraria a Michele Abbate. Carlo Esposito dirigente accompagnatore
giugno 15, 2016
Accordo con Rosario Di Girolamo
giugno 18, 2016
Mostra tutto

La società corallina al gran completo ha incontrato nella serata di eri il primo cittadino torrese Ciro Borriello. Un incontro fortemente voluto dal sodalizio biancorosso in previsione di una stagione destinata – nelle intenzioni della società stessa – ad esaltare un’intera città.

Presente al gran completo la dirigenza corallina. Seduti al tavolo del confronto, insieme al primo cittadino Borriello, il presidente Giugliano, il direttore generale Calce, il diesse Vitaglione, Antonio e Giuseppe Colantonio, Corrado Scarlato, Gaetano Galeota e Leonardo Mascolo, nuovo dirigente dell’area tecnica.

Il Liguori l’argomento cruciale. È stato il presidente Giugliano ad esordire, proprio evidenziando l’esigenza di effettuare degli interventi di manutenzione in vista dell’auspicato salto di categoria.

“Noi come società – ha precisato Giugliano – stiamo facendo tutto quanto è nelle nostre possibilità per mettere la Turris nelle condizioni di disputare un campionato da protagonista, ma è fondamentale che anche lo stadio si prepari al salto di qualità. Nel caso tutto dovesse andare come auspichiamo, insomma, anche il Liguori dovrà essere pronto”.

Rassicurante la risposta del sindaco Borriello. “Anzitutto tengo a fare l’in bocca al lupo alla Turris. Faremo tutti il tifo per la promozione in Lega Pro, anche perché il salto di categoria rappresenterebbe un traguardo di prestigio per l’intera città. Lo stadio? C’è tutta l’intenzione di procedere ad alcuni, fondamentali interventi di riqualificazione, così da renderlo perfettamente a norma, anche per un grande evento che mi auguro possa vedere protagonista la città. Farò il possibile per proporre la candidatura di Torre del Greco in occasione delle Universiadi del 2019, assegnate a Napoli ed alla Campania”.

Hanno poi ribadito la bontà del progetto approntato sia il diesse Vitaglione che il diggì Calce. “Stiamo lavorando quotidianamente per reperire il meglio e metterlo a disposizione dell’allenatore, ripartendo da un’attenta e scrupolosa ridefinizione della compagine societaria”.

Quindi Antonio Colantonio, presidente del settore giovanile corallino. “Avevo deciso di non impegnarmi più nel calcio, ma quando ho incontrato il presidente Giugliano ed i suoi soci ho dovuto ricredermi. Questa è gente per bene, che sta programmando con competenza e saggezza qualcosa di davvero importante. Credo fermamente in questo progetto”.

Ufficio Stampa – Area Marketing e Comunicazione