Universiadi: la Regione stanzia 500mila euro per la riqualificazione del Liguori

[Foto] Turris – Gragnano 1-1
gennaio 8, 2017
Pianeta Turris: al via la trasmissione interamente dedicata al settore giovanile
aprile 5, 2017
Mostra tutto
500mila euro per la ristrutturazione dello stadio Liguori. Si tratta di fondi regionali, stanziati nell’ambito degli interventi programmati per l’adeguamento degli impianti sportivi campani in vista delle Universiadi del 2019.
Ad ufficializzarlo, il vicesindaco e titolare della delega ai Fondi Europei, Romina Stilo, che nei giorni scorsi ha partecipato ad un incontro promosso dall’Ente regionale proprio per programmare gli interventi alle strutture sportive interessate dal programma delle Universiadi. “In quella sede – fa sapere Stilo – la Regione ci ha chiesto la documentazione relativa allo stadio Liguori ed agli interventi necessari per garantirne la riqualificazione”.
La Regione ha accolto positivamente i propositi dell’amministrazione ed ora ha ufficializzato che per l’Amerigo Liguori sono stati stanziati 500mila euro. “Necessari – spiega ancora il vicesindaco – per sistemare gli aspetti richiesti dai tecnici incaricati di seguire il programma delle Universiadi. In particolare, l’attenzione è focalizzata sulla sistemazione degli spogliatoi e su altri aspetti infrastrutturali, compresa la realizzazione di una rete wi-fi. Tutti aspetti utili a fare del nostro stadio un importante campo di allenamento per le squadre impegnate nei giochi universitari”.
“Questo – gli fa daeco il sindaco, Ciro Borriello – è il segno tangibile dell’attenzione che l’amministrazione comunale ha nei riguardi dello sport, attenzione riservata in modo particolare allo stadio Liguori”. Gli incartamenti relativi ai progetti legati allo stadio sono già stati trasferiti ai tecnici dell’ente, guidati dall’architetto Michele Sannino, che sono al lavoro per effettuare tutte le procedure previste: “Anche perché – conclude Romina Stilo – il cronoprogramma dei lavori è molto stringete e deve portare alla consegna dell’impianto ristrutturato entro dicembre 2018-gennaio 2019.